PELLE DAL VINO

PELLE DAL VINO

 

Settembre 2017 – Wineleather, ossia pelle vegetale derivata dall’uva.

(vince il Global Change H&M come prodotto rivoluzionario)

Prima pelle 100% vegetale, Wineleather, creata dal vino e made in Italy, vince il premio Global Change di H&M.
Prodotta grazie a uno speciale trattamento delle fibre e degli oli contenuti nella vinaccia, costituita perciò da materia totalmente naturale, ricavata dalle bucce, semi e raspi dell’uva che si eliminano durante la produzione vinicola. Pelle dal vino, dunque, senza usare una derivati del petrolio, senza utilizzare inquinanti, senza consumare acqua e senza, naturalmente, uccidere animali.

Questa pelle si differenzia anche dalle pelli “vegane” cioè quelle che vengono chiamate “ecopelli” in quanto sintetiche e di conseguenza contenenti prodotti chimici inquinanti.

 

Gianpiero Tessitore fondatore di Vegea srl e ideatore di Wineleather spiega così: – Abbiamo creato e brevettato un innovativo processo produttivo che trasforma le fibre e gli oli vegetali presenti nella vinaccia, in un materiale ecologico con le stesse caratteristiche meccaniche, estetiche e sensoriali di una pelle. Il risultato è una pelle di grandissima qualità con bassi costi di produzione, adattabile e facilmente lavorabile, tutti plus per chi lavora la pelle-

A certificare l’alta qualità della pelle vegetale è stato il premio del colosso della moda H&M con il “Global change award” reputato il premio internazionale più importante dell’economia e dell’innovazione nel fashion business. (Ogni anno H&M sceglie in tutto il mondo cinque business innovativi e rivoluzionari, con una forte potenzialità industriale, nel campo della moda).

Commenta ancora Tessitore: – E’ un premio importante, che ci proietta nel mondo del fashion con grande forza. Per me è una grande soddisfazione aver creato un nuovo materiale made in Italy che rappresenta due grandi eccellenze italiane: fashion e wine, conosciute in tutto il mondo come icone di stile, per l’alta qualità dei loro prodotti e la grande tradizione artistica e manifatturiera. Wineleather è il nuovo modo di essere alla moda ed eco-friendly allo stesso tempo. Le vinacce in Italia sono una materia che abbonda e di qualità; a breve realizzeremo veri e propri cru, delle selezioni speciali di pelle, da grandi produzioni vitivinicole-.

La materia prima di produzione non manca. Nel mondo ogni anno sono prodotti 26 miliardi di litri di vino. Da questo processo produttivo si possono ricavare quasi 7 milioni di tonnellate di vinaccia da trasformare, in una materia prima dal grande valore aggiunto. Calcoli alla mano, si potrebbero produrre tre miliardi di metri quadri di pelle vegetale l’anno di Wineleather, una superficie equivalente a circa 400 mila campi da calcio. Ad oggi l’Italia è il più grande produttore di vino, con il 18% della produzione mondiale. Un territorio ideale per la produzione di Wineleather, ma che può costituire un interesse anche per tutte le grandi regioni vitivinicole internazionali.

E sta già avendo un grande successo! Non è ancora iniziata la campagna di comunicazione e che era già presenei al Vinitaly con dei modelli di arredo. Il prodotto di origine vegetale impiega praticamente zero acqua per la produzione contro i 240 litri di acqua necessari per un metro quadro di pelle animale, ed è esente da tutti gli impatti negativi sugli ecosistemi creati dalle industrie produttrici di pelle animale tradizionale, dalla sofferenza animale agli scarti di conciatura che impiegano acidi e metalli pesanti che inquinano i terreni e le acque. Inoltre, la concia chimica delle pelli classiche ha rilevanti danni sulla salute degli addetti alla conciatura.

NOTA. Vegea srl nasce a Milano nel gennaio 2016 come azienda di produzione di nuove pelli vegetali, fondata sui principi di sostenibilità, etica, tutela della salute dei lavoratori e dei consumatori, nel totale rispetto dell’ambiente. Attualmente è insediata nell’incubatore di Progetto Manifattura, il polo clean tech e dell’economia circolare italiano di Trentino Sviluppo.

 

http://www.vegeacompany.com/politecnico-milano-premia-vegea/ 

 

 Si sa: per un lungo viaggio si inizia col muovere il primo passo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *